29.08.2017

Approvato in via definitiva il Reddito d’inclusione (REI)

Sì definitivo da parte del Consiglio dei ministri al decreto legislativo che introduce il Reddito di inclusione (REI). Partirà il primo gennaio 2018 e interesserà, per una durata massima di 18 mesi, una platea di 400mila nuclei familiari, pari a circa 1,8 milioni di persone.

Il REI viene riconosciuto ai nuclei familiari con un valore dell’ISEE non superiore a 6.000 euro e un valore del patrimonio immobiliare non superiore a 20.000 euro. In prima applicazione sono prioritariamente ammessi al REI i nuclei con figli minorenni o disabili, donne in stato di gravidanza o disoccupati ultra cinquantacinquenni.

Fermo restando il possesso dei requisiti economici, il REI è compatibile con lo svolgimento di un’attività lavorativa. Viceversa, non è compatibile con la contemporanea fruizione, da parte di qualsiasi componente il nucleo familiare, della NASpI o di altro ammortizzatore sociale per la disoccupazione involontaria.

Il REI è articolato in due componenti:

  1. un beneficio economico erogato su dodici mensilità, con un importo che andrà da circa 190 euro mensili per una persona sola, fino a quasi 490 euro per un nucleo con 5 o più componenti;
  2. una componente di servizi alla persona identificata, in esito ad una valutazione del bisogno del nucleo familiare che terrà conto, tra l’altro, della situazione lavorativa e del profilo di occupabilità, dell’educazione, istruzione e formazione, della condizione abitativa e delle reti familiari, di prossimità e sociali della persona e servirà a dar vita a un “progetto personalizzato” volto al superamento della condizione di povertà.

Al REI si accederà attraverso una dichiarazione a fini ISEE “precompilata”. È un’importante innovazione di sistema, che caratterizzerà l’accesso a tutte le prestazioni sociali agevolate migliorando la fedeltà delle dichiarazioni da un lato e semplificando gli adempimenti per i cittadini dall’altro.

Per ulteriori dettagli vedi il Comunicato Stampa della Presidenza del Consiglio.

dalle istituzioni